lunedì 3 dicembre 2007

La torta finlandese

E' tradizione (da ben un anno!) nelle cenette casalinghe della mia casetta delle bambole che, ai primi freddi, si inizino a preparare pies, ossia le torte ricoperte in stile Nonna Papera, sia dolci che salate.
Pare che la torta sia una ricetta di origine finlandese: non è provato scientificamente, ma a noi qui l'idea piace, quindi abbiate fede e affiancate la preparazione canticchiando Leva's Polka (torta gratis per un anno chi ripete tutta la canzoncina senza errori).

Ingredienti:
2 rotoli di pasta frolla pronta
400 g di composta o marmellata di mirtilli
100 g di panna da cucina
una scorzetta di limone
succo di limone q.b.
un cucchiaio raso di maizena
un uovo



Disponete il primo rotolo di pasta frolla su una teglia che avrete prima coperto con un foglio di carta da forno. Riempite con gli altri ingredienti, dopo che li avrete mescolati. Ricoprite col secondo rotolo di pasta frolla, ripiegando e chiudendo bene i bordi. Se vi avanza pasta potete fare delle decorazioni come nella foto. Dei tagli aiuteranno sicuramente a far uscire il vapore.
Spennellate la superficie della torta con l'uovo sbattuto e infornate a 180-200 ° C per venti minuti circa.



E questa è una cosina che ho fatto con la pasta avanzata e marmellate di mirtilli e fragola: le pittelle (prese un po' stortine):

3 commenti:

Ste ha detto...

asp
ma poi mi dici dove compri la droga che ti consente di preparare una torta _dolce_ mentre canti, a tempo, quella roba in una lingua nordica, agitando un PORRO?

giu&cat ha detto...

Ehm... mi credi sulla parola se ti dico che ho cantato e imparato a memoria (anche al contrario) questa canzoncina, vero? Torta gratis ;)) Quando la tagli come si presenta l'interno della torta? Cat

Gio ha detto...

Io non agito il porro, il porro agita me e mi aiuta a mescolare meglio. L'interno si presenta violaceo e gelatinoso-morbidoso... E poi la panna montata accanto (non zuccherata) ci sta da dio! :-)